Ricomincio da quattro

Ci sono attimi nella notte in cui chiudo gli occhi e mi arrivano come un pugno in faccia le immagini di casa mia, del mio mare, della mia campagna, di tutto quello che – poco o tanto – ho costruito in otto anni di vita modicana.

E’ una mancanza forte, soffocante, a tratti persino viscida. Per scacciarla devo impegnarmi, devo sognare più forte ancora, devo pensare alle parole di Noemi che mi grida forte in faccia, ridendo, che questa è casa sua adesso, che Palazzolo è casa sua e nessuno può comprarla. Ed è difficile spiegarle che non è proprio casa nostra, ci viviamo e probabilmente nel giro di un anno ci sposteremo ancora, per cui non ci provo nemmeno. Le sorrido e le dico solo che è casa della nonna e che un giorno o l’altro si dovrà anche vendere. Non voglio scombussolarle la vita, non voglio anticiparle un qualcosa di cui nemmeno io sono certa.

L’unica certezza per ora è che siamo qui, tutti insieme, e che Salvo martedì inizia a lavorare nel posto che avevamo desiderato – non tanto per il ruolo ma per la sicurezza economica che ci dà e per la possibilità di trasferimento in mezza Italia che eventualmente potremmo discutere. Una grande catena di supermercati, la più grande, almeno qui in Lombardia. Non mi sembra ancora vero. Quel curriculum mandato così, per provare, l’ultimo giorno di lavoro, la telefonata il lunedì successivo, il colloquio nel mezzo del trasloco, il secondo colloquio, la visita medica e la telefonata la vigilia per comunicare la firma del contratto e la sede di lavoro: a due chilometri da casa. Il tutto in meno di due mesi dalle sue dimissioni. Alla faccia di chi credeva che non fosse possibile. Alla faccia di chi pensava di averci offerto la terra promessa.

Noi non ci sentiamo arrivati comunque. Questo è solo l’inizio. La strada è ancora lunga, le decisioni da prendere molteplici, le insicurezze, i desideri, gli ostacoli… infiniti. Tante discussioni, tante paure, il nostro rapporto per l’ennesima volta messo alla prova. La necessità di credere, e di crederci forte, che la famiglia in fondo sia l’inizio di tutto.

La volontà di non sedersi, l’incessante ricerca della felicità.

Della nostra felicità.

SAM_0693

Annunci

9 risposte a “Ricomincio da quattro

  1. Questa foto é davvero super bella!!! Claudia ma sai che in questa foto mi ricordi Giulia Roberts?? 🙂

  2. Che bella famiglia che siete!

  3. Che bello tornare qua e trovare i vostri sorrisi!

  4. La sicurezza economica è una buona base di partenza per un nuovo destino. Serenità, vi auguro serenità, tanta

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...